Cosa ha bollito in pentola?

Aggiornamento: 8 apr 2020

I best seller 2019 tra librerie online e classifiche major

Ah, gennaio! Il mese fantasma… Solo ieri era Capodanno e guarda un po’, tra un soffio è Carnevale.

Dopotutto si sa, gennaio è un po’ così: rapido, impalpabile, ricco di faccende con cui fare i conti, di statistiche. Positive o negative che siano, si cominciano a tirare le somme, si valuta se iscriversi in palestra per pulirsi la coscienza dalla quantità di calorie ingerite senza pietà nei 15 giorni precedenti, si fa un bilancio dell'anno appena passato cercando di capire dove abbiamo sbagliato per ritrovarci sempre nelle solite situazioni o, magari, cosa abbiamo fatto di buono in modo da ripetere la rara gioia esperita, e si passano le ore a cercare di trovare un senso per quell'ultimo stipendio appena ricevuto e già speso.

Noi di trentapagine abbiamo pensato di sfruttare la labilità di questi primi 31 giorni del 2020 per fare un po' il punto su quelle che è la situazione editoriale italiana.

La scorsa settimana ci siamo addentrate nel magico mondo dei premi letterari, delle statistiche spicciole e dei grandi numeri che hanno coinvolto l'universo letterario nostrano. Oggi abbiamo pensato di farvi conoscere cosa è successo da un punto di vista più basic, ovvero cercare di fare maggior chiarezza sulle cifre della scorsa settimana e capire, in quella percentuale di venduto, cosa si è venduto, e comprato ovviamente.

Ecco, quindi, qualche titolo che si è piazzato di prepotenza tra i Best Sellers 2019.


I primi 8 titoli in elenco sono tratti dalle statistiche annuali del più grande sito di compravendita online al mondo – quindi magari un po' di credito concediamoglielo, su! – e sono i libri (in formato cartaceo) che hanno riscosso più successo su Amazon, i più comprati e i meglio recensiti.


  1. Le corna stanno bene su tutto – Giulia De Lellis (Mondadori)

  2. Vivere fino a 120 anni. Le verità che nessuno vuole raccontarti – Adriano Panzironi (Welcome Time Elevator)

  3. M. Il figlio del secolo – Antonio Scurati (Bompiani)

  4. Il Piccolo Principe – Antoine de Saint-Exupéry (Newton Compton)

  5. #VALESPO – Valerio Mazzei e Sespo (Mondadori Electa)

  6. I leoni di Sicilia. La saga dei Florio – Stefania Auci (Nord)

  7. Se questo è un uomo – Primo Levi (Einaudi)

  8. La cucina con voi – Benedetta Rossi (Mondadori Electa)


Si potrebbe scrivere un trattato sull'eterogeneità che pervade questo elenco, ma visto che siamo fan della sintesi esprimeremo giusto qualche breve considerazione. Tralasciando il numero due (Vivere fino a 120 anni. Le verità che nessuno vuole raccontarti), pubblicato da una casa editrice minore rispetto alle altre di cui ci occuperemo oggi, ma tranquilli che ci torniamo, salta all’ occhio la prepotenza dei grandi marchi, primo tra tutti Mondadori. Forte sul mercato, abilissimo nel marketing, non c’è potenziale best seller che gli sfugga. Esempio palese sono il primo e l’ultimo titolo elencati.

La presenza del libro di Giulia De Lellis sorprende e non sorprende. Apertamente dichiarato come frutto di ghost writing ha venduto nel corso del 2019 ben più di colossi letterari come Steven King, che partiva avvantaggiato dalla riedizione di It proprio a causa dell'uscita della seconda parte dell'omonimo film, posizionandosi ostinatamente al primo posto sia su Amazon che nella classifica dello stesso catalogo Mondadori. Mossa di marketing ben architettata? Provocazione? Opera prima e unica di una scrittrice alle prime armi? Tentativo di far conoscere al mondo le abilità dell’editor che ha redatto il testo di sua propria mano? Non ci è dato sapere. Quel che è certo è che mai come in questo caso il detto "nel bene o nel male purché se ne parli" ha colpito alla grande. La cucina con voi della Rossi, invece, si inscrive in quel magnifico giardino che non cesserà mai di dare frutti, il genere varia e libri di cucina. Da Benedetta (Parodi) a Benedetta (Rossi) il passo è stato decisamente breve – forse per via del nome simile, chissà. Cavalcando l’onda del successo raggiunto sui social, con ricette semplici e tanta autoironia, è il libro di cucina più venduto in Italia e, per gli amanti delle saghe, questo titolo è il terzo della serie, con i due precedenti messi sul mercato a distanza di pochi mesi l’uno dall’altro a partire da ottobre 2018.

Qualche new entry, quindi, benché inaspettata. Qualche conferma, data dalla presenza del premio Strega Scurati con il suo M. Qualche classico che riporta l'ordine nel caos. È interessante notare come Se questo è un uomo e Il piccolo principe siano entrambi presenti, a dimostrazione di come funziona la società contemporanea. Forse per il grosso impatto che ha avuto la proposta di legge della senatrice Liliana Segre nell'ultimo periodo, forse perché il tema delle deportazioni, del razzismo, del dolore e dell’intolleranza è sempre prepotentemente presente, Primo Levi che vende ancora nel 2019 è la conferma che le nuove generazioni stanno cercando di capire un po’ di più il passato recente e farsi un’idea di ciò che è stato da chi ha vissuto uno dei momenti più terribili della nostra storia. Il tutto senza dimenticare l’innocenza e la delicatezza delle massime del capolavoro di Saint-Exupéry, best seller indiscusso non solo dell’anno passato ma di tutti i tempi sin dalla prima edizione. Anche perché, chi è che non ha mai letto Il piccolo principe? (E non rispondete di no, fate ammenda e andate a leggerlo!)


Anche IBS, come venditore online ha fatto la sua figura nel 2019. Distribuendo praticamente tutti i prodotti editoriali che escono freschi sul mercato, pur non avendo la potenza devastante di Amazon, ha stilato un elenco dei maggiori titoli richiesti nell’anno passato, facendo risultare al primo posto un testo presente anche nella sopracitata classifica del suo competitor, ovvero I leoni di Sicilia. La saga dei Florio, scritto da Stefania Auci ed edito da Nord. C’è chi lo ha adorato, chi lo ha ritenuto sopravvalutato, chi è rimasto sconvolto dall’abilità dell’autrice di intrecciare storia vera e finzione, racconto giornalistico e romanzo storico, e chi si è sentito subito coinvolto nella trama che rispolvera una Sicilia dei primi dell’Ottocento rendendo, tuttavia, un realismo molto vicino alla nostra contemporaneità. Bello o brutto? Ai lettori l’ardua sentenza. Resta il fatto che IBS lo tiene in classifica, tra l’altro al primo posto, da maggio, mese di uscita. Qualcosa vorrà pur dire. Subito a seguire il compianto padre del commissario Montalbano, la cui dipartita nel luglio scorso ha probabilmente generato una profonda frattura nella giallistica nazionale, tanto che potremmo dire che inizierà a esserci una definizione storica tra il prima e il dopo Camilleri. Il libro proposto, immancabilmente edito da Sellerio, è Il cuoco dell’Alcyon, nuova indagine per il commissario, una delle ultime probabilmente, alle prese con una situazione che esce un po’ dagli schemi soliti dei thriller ambientati a Vigata. Tutti recitano, nessuno sa davvero cosa accade e realtà e finzione si intersecano in un romanzo che già di per sé non è realtà pur facendo parte della nostra quotidianità. Chiaro successo di pubblico e altro riconoscimento ad autore ed editore.


Relativamente ai grandi marchi, poi, ogni casa editrice che si rispetti, a fine anno, stila una lista di quelli che sono stati i suoi grandi successi, dopotutto la vanità è uno dei motori del monto...

Lo stile classico di Einaudi, i suoi romanzi carichi di emozioni, gli autori di un certo spessore che sono certezza per chi li legge e per chi li produce hanno permesso di dare alle stampe, e ricevere apprezzamenti di pubblico, due mostri sacri della narrativa contemporanea. Fermo al primo posto si piazza Gianrico Carofiglio, con l’ennesimo colpo di penna da manuale. Il titolo, stavolta, è La misura del tempo, un nuovo episodio dell’avvocato Guerrieri, uno dei protagonisti più riusciti dell’autore e amati dal pubblico. La quarta di copertina lo descrive così:


Un romanzo magistrale. Una scrittura inesorabile e piena di compassione, in equilibrio fra il racconto giudiziario – distillato purissimo della vicenda umana – e le note dolenti del tempo che trascorre e si consuma.

Subito a seguire, Maurizio De Giovanni con Nozze. Per i Bastardi di Pizzofalcone. Ah, Einaudi Einaudi, ti piace vincere facile! Nuovo giallo, anche per il napoletano è un nuovo episodio del suo gruppo di “bastardi”. Nel caso in cui non vi foste mai approcciati a De Giovanni in generale e al commissariato di Pizzofalcone in particolare, vi faccio notare che la Rai ha pensato bene di produrci una serie tv, per cui vi potreste guardare un paio di episodi, notare la caratterizzazione dei personaggi, la dura realtà delle descrizioni, la prontezza e la veridicità dei sentimenti, gli scorci di una Napoli che sembra fatta apposta per essere ripresa e descritta e finire per attaccarvi ai libri come se fosse la vostra unica fonte di ossigeno. Molto molto consigliato.

La Feltrinelli guadagna la sua fetta di mercato 2019 con il Lungo petalo di mare di Isabel Allende, un libro quasi autobiografico in cui l’autrice della Casa degli spiriti ripercorre cinquant’anni di storia tra Spagna, Paesi Baschi, Francia e Cile:


Insieme a quella dei protagonisti, esuli catalani, la pianista Roser e il medico Víctor, ripercorre l’esistenza di personaggi quali Neruda e Allende, comparse d’eccezione in un libro che fonde la storia con l’immaginazione del possibile, secondo quella formula già sperimentata con cui solo Isabel Allende sa restituire un affresco indimenticabile di solidarietà, di integrazione, di resistenza.

La Giunti, dal canto suo, non sta certo a guardare la concorrenza e forte dell’acquisizione del 2016 di Bompiani, si aggiudica un best seller con il sopracitato premio Strega M e si prepara a fortificare la propria presenza sul mercato di narrativa romance con il sesto libro della saga di Lucinda Riley Le sette sorelle. La ragazza del sole, a breve disponibile sul sito della casa editrice e in libreria. Metodo del restare sulle certezze e puntare a vendite sicure che si è rivelato ottimo per la forza commerciale di Giunti, che mescola nel suo catalogo la narrativa alla manualistica, i gialli ai libri scolastici e soprattutto vecchie glorie e nuovi autori che abbiano quel fascino tale da garantire il successo della Casa.


Queste sono state le rivelazioni dello scorso anno, adesso cercheremo di capire, e magari provare ad anticipare, i best dei prossimi dodici mesi. Nel frattempo fateci sapere con quale titolo avete passato il 2019 che magari il prossimo anno la classifica la facciamo anche noi di trentapagine.

10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti